Punto Help

Creazione di un ambiente cognitivo che faciliti il comprendere attraverso l’interazione docente-psicologo.

Risposte alle esigenze dei destinatari.

L’utenza che l’Istituto Michelangelo continua a trattare negli anni riguarda ragazzi in drop out , reduci da esperienze fallimentari nella scuola pubblica di stato, che presentano delle esigenze di sostegno generalmente maggiori, da ciò nasce l’esigenza di lavorare massicciamente sull’autostima dei soggetti e di personalizzare i percorsi scolastici ed educativi per affrontare situazioni di ristagno e di blocco psicologico. Situazioni che, se non supportate adeguatamente con un lavoro di equipe tra scuola e famiglia, favoriscono un nuovo abbandono scolastico e la difficoltà di sviluppare una progettualità che sia di supporto alla crescita dei ragazzi con tutte le conseguenze tipiche della nostra epoca. La diffusione della tossicodipendenza, di comportamenti a rischio, la violenza tra i minori, ad esempio, rappresentano sintomi di un disagio profondo che deve essere affrontato e supportato lavorando sulle dinamiche interpersonali e intrapsichiche dei ragazzi per promuovere una interrogazione sul sintomo che porti ad  maggiore assunzione di responsabilità circa i propri comportamenti .

Il corpo docente pur con la maturata esperienza nel rapporto con i ragazzi sovente si trova in difficoltà ad affrontare tematiche più prettamente psicologiche e da qui nasce la domanda di una consultazione con il professionista, che diventa momento di interrogazione sulle proprie modalità interattive e confronto con possibilità che precedentemente non erano state prese in considerazione.

Le famiglie si trovano frequentemente in situazioni di impasse nell’affrontare e affiancare il  percorso di crescita dei propri figli, lo sportello di ascolto e gli interventi proposti ai genitori hanno lo scopo di rispondere a queste esigenze sempre più pressanti e alle ansie legate alla genitorialità che incidono enormemente sul comportamento dei ragazzi.

Benessere psico-fisico degli studenti.

La scuola rappresenta sicuramente l’ambito privilegiato di un intervento preventivo psicologico che possa contribuire ad affrontare adeguatamente le problematiche sempre, più o meno, presenti in tutte le fasi della crescita individuale. Anche per questo, probabilmente, negli ultimi anni sono stati presentati nel Parlamento italiano ben sette disegni di legge che prevedono l'istituzione anche in Italia (così come già accade negli altri Paesi europei) dello Psicologo scolastico in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

La finalità di questo progetto rivolto a studenti ed insegnanti e genitori è quella di aver cura anche della dimensione affettiva, emotiva e socio-relazionale, in particolare di:

  • promuovere negli studenti la motivazione allo studio e la fiducia in se stessi;
  • costituire uno spazio per lo sviluppo di una relazione di aiuto, per la prevenzione del disagio evolutivo e dell’abbandono scolastico;
  • essere un’opportunità per favorire l’orientamento, la formazione e la riqualificazione di tutto il personale scolastico;
  • rappresentare uno strumento ed una modalità per la formazione dei genitori, per avvicinare il mondo della scuola a quello della famiglia;
  • .facilitare l’integrazione di studenti extracomunitari nell’istituzione scolastica;
  •  costituire un’importante opportunità per studiare l’organizzazione scolastica e costruire strumenti di intervento;
  • facilitare nell’individuo l’indagine di sé, la scoperta, l’approfondimento e il riconoscimento delle proprie emozioni e delle proprie potenzialità al fine di accrescere il proprio benessere personale e migliorare le relazioni interpersonali sia scolastiche che familiari.

Cerca

Accesso Utenti

Comunicazioni